Le immersioni subacquee alle Baleari

Come nella maggior parte dei siti di immersione del Mediterraneo, le cose più belle da vedere non si trovano molto vicine alla superficie (vedi la nostra sezione sulle immersioni in Sardegna). Per motivi storici e ambientali che non stiamo ora a ricordare, per cominciare a compiere avvistamenti speciali di fauna o di flora bisogna scendere a profondità di almeno una ventina di metri. Ovviamente, per le immersioni alle Baleari come in tutti gli altri posti, dovete rispettare sempre tutte le regole di sicurezza e le tabelle di decompressione.

Inoltre, pare che il governo spagnolo abbia irrigidito la regolamentazione della subacquea sportiva. Infatti, sia le immersioni subacquee a Maiorca che le immersioni subacquee a Minorca da parte di molti sub hanno lasciato delle tracce non sempre positive. È quindi con molto dispiacere che noi anziani sommozzatori abbiamo saputo che fare immersioni alle Baleari è diventato più difficile e qualitativamente meno attraente. Per noi che abbiamo visto fondali ricchissimi e quasi incontaminati, non ci resta che raccontarvi i nostri ricordi: un mare pulitissimo, poco traffico sott'acqua, pochissimi scafi in navigazione presso le coste a mettere a repentaglio l'incolumità dei sub, pochissima attesa nei centri di ricarica delle bombole.

In tutte le isole principali si trovano diving centers che propongono immersioni subacquee alle Baleari: le immersioni a Maiorca e le immersioni a Minorca sono quindi facili da organizzare e si possono anche seguire corsi di immersione: alcuni centri sono anche abilitati a rilasciare i vari diplomi agli allievi che frequentano regolarmente i corsi e passano con successo gli esami di immersione subacquea. Consigliamo comunque di prendere accurate informazioni prima di partire per via delle nuove restrizioni e per evitare sorprese sul posto.