Le meraviglie del mare di Dubai per gli amanti delle immersioni

Gli Emirati Arabi Uniti, si affacciano sul Golfo Persico, (in persiano خلیج پارس "Khalij-e Pars", in Arabo:الخليج الفارسی "al-khalij-al-farsi", Golfo di Bassora ai turcofoni), un golfo dell'oceano Indiano che bagna anche le coste di Oman, Arabia Saudita, Qatar, Bahrain, Kuwait, Iraq e Iran.

Il mare che bagna Dubai ha una profondità media tra i 10-20 metri al largo, mentre lungo le coste, la profondità oscilla tra i 3 e i 10 metri, con un fondale sabbioso; non sono quindi le condizioni migliori per delle belle immersioni.

Durante immersioni a Dubai, risulta quindi improbabile incontrare pesci colorati e tropicali specialmente da quando hanno iniziato a costruire le enormi isole artificiali (le palme e Dubai World), che anno dopo anno hanno provocato lo spostamento dei fondali marini, e hanno ricoperto lo strato di coralli di varie dimensioni con la base di sabbia necessaria per le costruzioni. Anche l’inquinamento ha contribuito alla scomparsa dei coralli; e durante le immersioni a dubai al massimo si possono trovare comunissimi pesci da 10-15 cm o anche pesci volanti in cerca di cibo e di aree meno inquinate.

Un’alternativa più valida per le immersioni è costituita da Fujairah, dove sono spesso organizzate escursioni con immersione anche in giornata.

Continua a leggere su Dubai Blog